The Time

Benvenuti a Gerace

Chiamata anche

Le più antiche testimonianze di una presenza umana nella Locride risalgono a circa 7000 anni fa.
La fondazione della colonia greca di Locri Epizefiri è stata quindi preceduta da oltre 4000 anni di “storia”, durante i quali la cultura delle popolazioni calabresi è lentamente evoluta, passando dalle semplici comunità contadine del Neolitico, alle complesse società dell'età del bronzo, i cui capi intrattenevano rapporti commerciali e “diplomatici” con le altre culture del Mediterraneo.
Le tappe di questa lunga “storia” seguono l'evoluzione delle capacità tecniche di queste popolazioni, che a partire dalla pietra (Paleolitico e Neolitico), impararono poi a lavorare i metalli.
Il primo ad essere utilizzato è il rame (Eneolitico) , il più semplice da fondere, anche se eccessivamente malleabile.
Si scopre poi che aggiungendo a questo metallo un po' di stagno si ottiene una lega molto più resistente, il bronzo (Età del bronzo).
In Italia solo con il IX secolo a.c. (Età del Ferro) nelle fonderie si riescono a raggiungere temperature sufficientemente elevate per fondere un metallo più diffuso e ancora più resistente del bronzo: il ferro.

Neolitico - Fase media 5000 - 4000 a.c. circa

- Frammenti di vasellame di impasto con decorazione tipica "Stentinelliana" con schegge e lame di ossidiana (Prestarona di Canolo)

Eneolitico - 3000 - 2000 a.c. circa

- Asce in pietra a scanalatura mediana dalle contrade Merici e Leto (Gerace)

- Punta di selce dal territorio di Gerace, acquistata da Orsi nel 1912 sul mercato antiquario

Età del Bronzo - Fasi iniziali, 2000 - 1600 a.c. circa

- Ascia in bronzo proveniente da un "ripostiglio" in località Imbonello di Canolo

Vasellame di impasto dagli scavi nel Chiostro della chiesa di San Francesco a Gerace

- Grande piatto (Bronzo Antico - Bronzo Medio iniziale)

- Orlo di scodella (Bronzo antico 1 - facies di Zungri-Corazzo)

- Parete di ciotola (Bronzo antico 1 - facies di Zungri-Corazzo)

- Orlo di vaso "a clessidra" (Bronzo Medio 1/2 facies di Messina-Ricadi)

- Orlo e parete di ciotola carenata (Bronzo Medio)

Prima Età del Ferro (IX secolo a.c.)

- Spada ad antenne in bronzo dal territorio di Gerace (collezione Oliva-Spanò)

Età del Ferro Avanzata (VII secolo a.c.)

Tomba IV bis di Stefanelli di Gerace

- Scodellone da impasto

- Tazza da impasto

- Piccola brocca (oinochoe) di produzione corinzia

- Punta di giavellotto in bronzo

Materiale sporadico dalla necropoli di Stefanelli

- Pendente in brozo raffigurante una coppia abbracciata

- Fibula a navicella

Età Greca (V secolo a.c.)

- Coppa a vernice nera del tipo "a pareti sottili", da una tomba isolatain località Scurzonale-Rapanà

Età Tardoromana (V secolo d.c.)

- Lucerna di terra sigillata africana da una tomba in località Stefanelli di Gerace